25 Agosto 2016 admin

CD Review – “Shifting Thoughts” on Jazzitalia

Gianluca Di Ienno è un tastierista con esperienze nei gruppi di Giovanni Falzone, Bebo Ferra, Stefano Bagnoli fra gli altri. Il Keys trio è un suo recente progetto, messo in piedi con il sassofonista Massimiliano Milesi, anche lui con collaborazioni qualificate in corso o alle spalle, da Tino Tracanna alla big band di Oscar Del Barba. Alla batteria siede, poi, Alessandro Rossi, provvisto di referenze che vanno dalla partecipazione a formazioni di Roberto Cecchetto a quelle con Max De Aloe. Il trio propone un jazz rock con inflessioni dichiarate, anche nei titoli, nel dub, fortemente marcato ritmicamente e con una timbrica determinata potentemente da organo, fender rhodes e da altri strumenti elettronici manovrati dal leader. Di Ienno è capace, infatti, di passare da un pianismo veloce e liquido alla costruzione di una base solida e funzionale al contesto, con hammond e altri marchingegni a dettare le regole. Milesi, da parte sua, è il sassofonista adatto per questo tipo di musica, deciso, propositivo e prorompente, quando è il caso. È uno che non si tira mai indietro, insomma, ma si sintonizza sempre sulla giusta lunghezza d’onda. Alessandro Rossi, da parte sua, garantisce un sostegno continuo, intrusivo, di genere funkeggiante o affini, picchiando sulla sua batteria con sana energia e notevole senso della misura. Fra i dieci titoli dell’album si segnala in particolare Refugees, contraddistinta da tempo mosso, dentro una cornice elettronica squarciata dalla voce filtrata di un sassofono penetrante. Shifting Thoughts è un cd di un (non) classico Organ trio, nel senso che prevalgono sui suoni tradizionali quelli di un jazz contaminato dalla musica attuale, di consumo o d’arte, prodotta con l’ausilio di mezzi tecnologici.

Gianni Montano | Jazzitalia